venerdì 29 gennaio 2016

L'attività fisica riduce depressione e obesità in menopausa


Prima di tutto buon weekend a tutte! Spero che questa che si è appena conclusa sia stata una settimana non troppo pesante né stressante e che sia filato tutto liscio, più o meno...
Oggi ho scoperto una nuova ricerca che conferma l'importanza dell'attività fisica per ridurre i sintomi della menopausa. Da uno studio del North American Menopause Society (NAMS) effettuato su oltre 6.000 donne dell'America Latina, risulta che la sedentarietà ha una stretta relazione con depressione, ansia, insonnia e, last but not least, con l'obesità.

I ricercatori hanno analizzato i dati del Collaborative Group per la Ricerca sul climaterio in America Latina, estrapolandoli dalle cartelle cliniche di 6.079 donne di età compresa tra i 40 e i 59 anni, che hanno frequentato uno dei 20 centri sanitari urbani in 11 paesi dell'America Latina. Le donne hanno risposto a questionari standard sulla depressione, ansia, insonnia e sintomi della menopausa: sintomi fisici come vampate di calore e dolori articolari, psicologici come depressione e ansia, e sintomi urogenitali come problemi sessuali, secchezza vaginale e problemi alla vescica. Alle donne sono state rivolte domande anche su altre questioni, come il livello di attività fisica svolto e la gravità e la durata dei sintomi della menopausa.

Dai dati è risultato che il 65% delle donne conducevano uno stile di vita sedentario. Circa il 16% di loro hanno denunciato gravi sintomi della menopausa rispetto all' 11% delle donne attive. Le donne sedentarie sono risultate anche più colpite da obesità, depressione, ansia e insonnia.

Secondo il direttore del NAMS  JoAnn V. Pinkerton, una regolare attività fisica non è importante solo per ridurre i sintomi della menopausa, ma "anche il rischio di cancro al seno e al colon, la demenza, attacchi di cuore, ictus, depressione, perdita di massa muscolare magra, l'osteoporosi e migliora la funzione del sistema immunitario Uno studio ha dimostrato che una sola ora di cammino al giorno ha ridotto il rischio di obesità del 24%. Inoltre, meno vampate di calore, un minor numero di rischi per la salute e un aumento del benessere generale.

Dopo questa ennesima conferma, che dire: mi devo cominciare a muovere! E anche voi!

lunedì 25 gennaio 2016

Caldane & menopausa, un amore indissolubile


Quando ho scoperto di essere entrata in menopausa, circa 7 anni fa (a 49 anni), qualcuno mi disse che le famigerate caldane sarebbero durate qualche mese, al massimo un anno. Nulla di più falso: le ho ancora. Un incubo, in confronto il riscaldamento globale è una bazzecola. Durante questo lungo periodo - oltre a scoprire che questo disturbo può durare anche 10 anni, a volte tutta la vita - ho provato di tutto. Compresa la terapia ormonale sostitutiva, che ho fatto due volte (ognuna delle quali per soli 6 mesi, secondo le indicazioni della mia ginecologa). Ma alla TOS dedicherò un post specifico.

Gli integratori naturali non hanno più segreti per me, così come i rimedi omeopatici e fitoterapici: ho tentato qualsiasi cosa, dal ginseng alla salvia, passando per gli isoflavoni di soia al Black Cohosh (cimifuga racemosa ), dall'equiseto e agli integratori di calcio e magnesio, per non dimenticare le quantità industriali di semi di lino, mandorle e noci che ho ingurgitato.

lunedì 18 gennaio 2016

Le 5 regole per cominciare bene la giornata


Oggi è lunedì e non so voi, ma io il lunedì parto sempre con tanti buoni propositi (che spesso disattendo). Vorrei quindi approfittare di questo inizio settimana per fare finalmente un po' d'ordine nella mia e nella vostra giornata, condividendo con voi qualche utile suggerimento per impostare una nuova routine. 
Dopo oltre 20 anni sono diventata una free lance e quindi non devo più andare in ufficio tutti i giorni. A parte una serie di impegni "imprescindibili" - gestione dei figli, spesa, preparazione di pranzi e cene, lavatrici, cura del cane, pratiche burocratiche, gestire la mia intensa attività di blogger, più altre varie & eventuali - molto spesso posso gestire il mio tempo. Cosa non sempre facile. Ho capito che avere o meno rigide scadenze e orari da rispettare, non fa molta differenza: in entrambi i casi bisogna organizzarsi.
Per affrontare la giornata con slancio, ho messo giù una lista di 5 semplici rituali mattutini:
  1. Svegliarsi presto: lo so, è orribile, specie in inverno. Restare sotto le pezze fino a mezzogiorno sarebbe l'ideale. Ma è meglio evitare, carissime Over40Girls: alzarsi presto permette di farsi una bella doccia rigenerante, dedicarsi al make up e a una ricca colazione. Pessimo partire stressate e affannate, vagare disperatamente in cerca del caricabatterie del cellulare, ingurgitare un misero caffè e magari scordarsi anche il portafogli a casa. Dedicare il giusto tempo a se stesse aiuta ad avere più energie durante tutta la giornata.
  2. Preparare il necessario: ogni sera bisogna decidere cosa si indosserà il giorno dopo. Si risparmiano almeno 10 minuti di tempo e tanto stress. Non c'è nulla di peggio che starsene immobili e sconsolate davanti all'armadio senza avere la minima idea di cosa mettersi, o rovistare negli angoli più reconditi in cerca dell'unico collant sano rimasto. E' importante poi radunare tutto quello che ci servirà: cellulare, bollette/multe da pagare, appunti, pc/tablet, penne, occhiali (da sole o ahimé da vista, o entrambi), fazzolettini di carta, trousse del trucco, burro cacao, chiavi del motorino o della macchina, etc... Meglio evitare una disperata caccia al tesoro di prima mattina...
  3. Meditare ho scoperto che non è vero che per meditare bisogna fermarsi. Si può meditare praticamente in ogni momento della giornata e per quanto si vuole. Ad esempio, prima di partire a razzo nel traffico potremmo provare a meditare durante la colazione: facciamo due profondi respiri, gustiamoci ogni momento, sentiamo il sapore, l'odore e la consistenza del cibo. E quando la mente comincia a distrarsi e a pensare a tutti gli impegni che ci aspettano, concentriamoci di nuovo sul respiro. Io l'ho provato e funziona! In fondo significa godersi il presente, vivere "qui e ora". Applicare questa modalità durante la giornata, non solo riduce lo stress, ma aiuta a gestire meglio la fatica e ad essere più positive.
  4. Fare attività fisica: non ci sono mai riuscita, lo confesso, ma so che muoversi regolarmente fa bene alla salute. Hai scoperto l'acqua calda!, mi direte. Lo so, ma per me non è affatto scontato. In realtà ho un vero blocco al riguardo. Quindi spero che scrivendo questa semplice "regola" di vita in un post, il concetto entri finalmente nella mia testina di pigrona incallita.  A parte il mio caso disperato, posso tranquillamente confermare che le poche volte che prima di andare al lavoro ho fatto un po' di movimento, mi sono sentita molto meglio, e per tutta la giornata. La bella notizia è che BASTANO 30 MINUTI AL GIORNO! Walking, running, cyclette, i 5 tibetani o i salti alla corda in salotto, non importa. L'importante è fare qualcosa: risveglia il metabolismo e aumenta il livello di energia. 
  5. Pianificare: una volta trovato il tempo di fare colazione con calma, meditare e fare un po' di attività fisica, mentre si sta andando al lavoro bisogna creare mentalmente una to-do list: aiuta ad avere la consapevolezza dei compiti da svolgere e a mantenere per tutto il giorno uno spirito produttivo. Una volta individuati gli obiettivi, ripetiamo a noi stesse che abbiamo le capacità per raggiungerli. Magari per non dimenticarli, scriviamoli nel cellulare. Una sorta di memo auto-motivazionale per gestire al meglio la giornata. Io da domani ci provo, voi? Poi fatemi sapere com'è andata. Aspetto suggerimenti, idee, rituali già sperimentati..... A presto! 

venerdì 15 gennaio 2016

100 anni di fitness femminile in un video su Youtube

Un secolo di fitness femminile e di abbigliamento sportivo: lo racconta un divertente video della video-star Cassey Ho, pubblicato sul canale YouTube "Mode".
Si va dal salto alla corda in gonnellona ai più recenti esercizi stilosi del Pilates, passando per l'aerobica in sexy tutina anni Ottanta.
A voi scegliere quale epoca (e quale attività fisica) preferite!





giovedì 14 gennaio 2016

Ti annoi? Inventa una parrucca totalmente folle


Buongiorno Girls!
Oggi vi propongo un fantastico passatempo, molto rilassante, divertente, che stimolerà anche la vostra creatività. Si tratta di capelli (sì! la passione di noi tutte!). A offrirlo è il sito dell'Albert & Victoria Museum, che ha inventato un gioco che permette di creare parrucche folli, assurdamente esagerate, ispirate alle tendenze delle acconciature del Settecento. Io l'ho provato (nella foto il frutto della mia creazione) ed è fantastico!!!

p.s. Consigliato nei momenti di noia, prima e dopo i pasti principali, prima di andare a letto e quando siete particolarmente down. NON leggere attentamente le avvertenze.